La bellezza di Lisbona è sotto gli occhi di tutti. Coloro che amano viaggiare devono ‘obbligatoriamente’ fare tappa nella capitale del Portogallo, che presenta decine e decine di attrazioni per ogni età. Cosa vedere durante un viaggio a Lisbona? Passeggiando nella Città delle Luci si respira il patrimonio storico e culturale. La vera cultura popolare della capitale portoghese è presente in particolar modo in alcuni quartieri: Bairro Alto, Baixa, Belem e il Chiado. Chiaramente tra le cose da vedere a Lisbona, non possiamo non inserire il Castello di Sao Jorge (San Giorgio), che ti permette di osservare dall’alto l’intera città. La redazione di ViaggioIn ha realizzato una guida dettagliata su cosa vedere a Lisbona, in modo da arrivare già preparati nella capitale del Portogallo.

 

Lisbona capodanno 2020, eventi e cosa fare

Manca sempre meno all’ultimo giorno dell’anno e tantissime persone stanno organizzando in anticipo il proprio viaggio per trascorrere dei giorni di relax e/o divertimento. Il capodanno 2020 a Lisbona, è tra i più consigliati in assoluto con ristoranti addibiti a festa, eventi tra i più divertenti in Europa e il classico concertone della Praça do Comércio, centro dei festeggiamenti di Capodanno. Possiamo considerare Lisbona, tra le mete più ambite dai turisti di tutto il mondo soprattutto nel periodo di Capodanno. Cosa fare a Lisbona a Capodanno 2020? In seguito la redazione di ViaggioIn ha selezionato gli eventi più esclusivi dell’ultimo giorno dell’anno presenti nella capitale del Portogallo. Prima ricordo di consultare anche il nostro articolo dedicato a dove dormire a Lisbona, per scegliere l’hotel ideale per Capodanno.

Lisbona capodanno 2020 in Piazza: come accennato nel paragrafo precedente il vero e proprio Capodanno in piazza si svolge nel quartiere Baixa. Praça do Comércio, ad esempio, è il fulcro dei festeggiamenti che avvengono nell’ultimo giorno dell’anno nella capitale del Portogallo. Praça do Comércio è situato nei pressi del fiume Tago ed è in assoluto la piazza più importante della ‘Città delle Luci’. Con il Capodanno, in questa piazza, si danno appuntamento centinaia e centinaia di persone (turisti e abitanti del posto) per il classico concerto del 31 dicembre, che inizia non prima delle ore 22:00. In seguito, con la mezzanotte è possibile assisstere ai fuochi d’artificio sul fiume Tago. 

Capodanno Lisbona 2020 discoteche: dopo aver analizzato un classico Capodanno di Lisbona con il Concertone del 31 dicembre, per i più giovani la redazione di ViaggioIn consiglia una zona con una vasta scelta di locali notturni: l’Alcantara. Qui è possibile ascoltare buona musica dal vivo con numerose band per allietano la serata. Inoltre, in questa zona sono presenti numerose discoteche. Tra i locali più frequentati dopo la mezzanotte troviamo senza dubbio il Krystal Grand Club Lisbona aperto fino alle 06:00 del mattino, il Metropolis Club aperto anche in questo caso fino alle 06:00 del mattino con musica che varia da serata a serata. Musica anni 80′ ma anche rock, metal passando per il genere house. Per entrambe le discoteche consiglio vivamente di acquistare il biglietto in prevendita per non rischiare di passare la notte di Capodanno in fila fuori o addirittura in giro senza trovare un locale che vi faccia entrare.


Lisbona cosa vedere: i 5 luoghi da visitare

Come accennato nel paragrafo introduttivo, Lisbona attrae turisti di ogni età. Famosa nel mondo per la cultura unica e inimitabile, è visitata allo stesso tempo da moltissimi giovani sia per una vacanza in spiaggia vista la presenza del mare, ma anche per l’irrefrenabile vita notturna. Di conseguenza, non è stato per nulla semplice stabilire cosa vedere a Lisbona e scegliere i cinque luoghi che vanno assolutamente visitati. Di seguito la Top 5, redatta dalla redazione di ViaggioIn, dei luoghi da vedere a Lisbona:

1. Il Castello di Sao Jorge: è una delle attrazioni più famose di Lisbona. Il Castello di Sao Jorge (San Giorgio) è considerato il simbolo della città eretto nel I secolo a.c. ha svolto la funzione sia di palazzo reale che di fortificazione militare, abitato in epoche diverse da moltissime popolazioni. Fu completamente ristrutturato nel 1940 con l’inserimento di parchi e giardini ideali per lunghe passeggiate. Nello stesso periodo sono stati costruiti anche due Miradouros che si aprono tra le mura del castello. Potete osservare dall’alto, per intero, tutta la bellezza della città di Lisbona. Attraverso un Periscopio, invece, potete ammirare il panorama della capitale portoghese a 360°. Altro punto cruciale del Castello di Sao Jorge è la Cittadella che dopo la ristrutturazione è stata trasformata in spazi accessibili ai turisti. Dalle informazioni in possesso della redazione di ViaggioIn, il costo per la visita completa del Castello di Sao Jorge è di 10 euro per gli adulti, 5 euro per gli studenti, 8.50 euro per gli Over 65 anni e per i diversamente abili, gratis per i minori di 10 anni.

2. Il Barrio Alto: è uno dei quartieri più famosi e caratteristici della città di Lisbona. E’ collocato al centro della città, può essere raggiunto chiaramente a piedi, con molta fatica, o attraverso l’elétricos, tipico tram di Lisbona ideale per conoscere i luoghi più interessanti della capitale del Portogallo. Alle origini (1600) era il luogo dove vivevano i più ricchi della città. Qualche secolo dopo nacquero in questo quartiere le prime redazioni giornalistiche, ma anche piccole botteghe e negozietti. Oggi attrae molti giovani per la presenza di locali, in particolare di musica jazz. All’interno del Barrio Alto spicca la presenza del Giardino Botanico, tra i più grandi d’Europa.

3. Il quartiere di Baixa: può essere considerato il cuore pulsante di Lisbona. Il Marchese de Pombal, dopo il terremoto che colpì la città nel 1755 distruggendo interamente il quartiere di Baixa, fece ricostruire il tutto ispirandosi alla cultura neoclassica. Può essere considerata, senza far torto a nessuna zona di Lisbona, la parte centrale per ciò che concerne l’economia della città. Baixa parte dalle rive del Tago e arriva fino all’Avenida da Liberada. La strada principale della Baixa è chiamata Rua Augusta negli ultimi anni completamente pedonale. Famosa anche la piazza del Rossio, conosciuta tra gli abitanti di Lisbona come Praca Dom Pedro IV.


State organizzando un viaggio in Portogallo? Eccovi anche la nostra guida su cosa vedere a Porto.


 

4. Monastero de Los Jeronimos: nella Top5 della guida ‘Lisbona cosa vedere’ abbiamo pensato di inserire anche il Monastero de Los Jeronimos, il monumento più importante, anche se non il più famoso, di Lisbona. Partiamo da alcuni cenni storici. Vasco da Gama, esploratore portoghese, tornato in città dopo aver scoperto la rotta per l’India, decise di soggiornare a Lisbona. Per festeggiare la permanenza e soprattutto la sua fantastica scoperta fu costruito in suo onore il Monastero de Los Jeronimos, risalente al 1505. In seguito fu inserito anche nel Patrimonio dell’Unesco. Molti si chiederanno il perchè del nome Los Jeronimos. Il motivo è semplicemente uno. Dopo la costruzione fu donato ai Monaci dell’Ordine di San Girolamo. La presenza della Chiesa di Betlemme è tra gli elementi più caratteristici del Monastero. All’interno della Chiesa sono ospitate le tombe di Vasco de Gama e Luis Camoes, poeta portoghese. All’interno del Monastero e nello specifico nel Chiostro, spicca la presenza della tomba di Fernando Pessoa, tra i più importanti scrittori della storia della letteratura portoghese.

5. Il quartiere Belem di Lisbona: in precedenza abbiamo analizzato nel dettaglio il Monastero de Los Jeronimos, facente parte proprio del quartiere di Belem. Concludiamo la nostra rassegna sui cinque luoghi da vedere a Lisbona con questo fantastico quartiere situato sulle sponde del Tago. Nei secoli scorsi le navi portoghesi partivano proprio da questo luogo con l’intento di conquistare nuovi popoli. La Torre di Belem è stata costruita proprio per ricordare il periodo fiorente delle conquiste marittime portoghesi. Fu realizzata grazie all’intervento di Re Manuel I nel 1510. Anche in questo caso la redazione ViaggioIn vi illustrerà i prezzi della Torre di Belem: 6 € la visita esclusiva della Torre, 12 € Torre più Monastero di San Girolamo.

Vi lasciamo con una celebre frase di Paul Buck: “Lisbona è diventata negli ultimi tempi un work-in-progress, un poema, un romanzo perennemente riscritto per la prossima generazione. La città cerca in ogni modo di ringiovanirsi, tuttavia non è disposta a rinunciare alla sua fragile aura di mistero, di eccitazione e di tumultuoso godimento”. È arrivata l’ora di rimettersi in viaggio.